FUSILLI MOLISANA
0 Commenti 
Di origini meridionali i fusilli hanno una lunga storia. Originariamente venivano lavorati con una tecnica manuale tramandata di madre in figlia, che consisteva nell’arrotolare l’impasto intorno ad un ferro da calza, ottenendo così un tipo di pasta a forma di “fuso” Molto semplice e amata da tutti, con la sua delicata forma a spirale cattura bene il condimento.
FUSILLI MOLISANA SENZA GLUTINE
0 Commenti 
Tenaci e consistenti dalla forma allungata, affusolata ed elegante: i fusilli senza glutine non potevano mancare in questa versione, per accontentare gli intolleranti al glutine. Pronti a soddisfare anche i palati più esigenti, con la loro trafilatura al bronzo, accolgono perfettamente i condimenti.
FUSILLONE DI SEMOLA
0 Commenti 
Pasta dal colore giallo, la sua particolare forma elicoidale si impregna maggiormente di condimento, ideale quindi anche per sughi a base di verdure o per un semplice sugo al pomodoro.
FUSILLONI MOLISANA
0 Commenti 
risultato delle numerose fasi di macinazione è una semola perfetta per essere impastata con le acque originate nel cuore del Massiccio del Matese. Questa è la materia prima che caratterizza la nostra pasta, come i Fusilloni che ricordano il fuso utilizzato dalle filatrici. Un formato tenace che piace per la sua texture ruvida e il bel colore giallo ambrato.
GNOCCHETTI SARDI MOLISANA
0 Commenti 
Formato tipico della Sardegna anche noto come malloreddus o cigiones, veniva preparato soprattutto in occasioni di sagre e matrimoni; per questo lo gnocchetto sardo è associato a momenti di festa, convivialità, allegria.
GNOCCHI DI PATATE GIALLI
0 Commenti 
Nella città di Roma gli gnocchi rappresentano il piatto tradizionale del giovedì, seguendo il detto “Giovedì gnocchi, Venerdì pesce e Sabato trippa“. Il proverbio sottolinea l’importanza del giovedì, che necessita d’un piatto elaborato e gustoso e che anticipa quello di magro del giorno successivo. Pratici e veloci da cucinare sono ottimi con ragù di carne o condimenti a base di formaggi.
LINGUINE GRANO SENATORI CAPPELLO
0 Commenti 
Della stessa lunghezza degli spaghetti, ma con una forma rettangolare,le linguine sono uno dei formati classici della tradizione culinaria italiana. La trafila al bronzo e l’essiccazione a bassa temperatura rendono la texture di questo formato perfetto per condimenti a base di pesce.
MACCHERONI AL TORCHIO
0 Commenti 
Pasta corta tradizionale Italiana bucata e dalla superficie rigata, preparati con sfoglia trafilata lentamente al bronzo, ideali per essere serviti con condimenti a base di verdure, formaggi o ragù di carne.
MACCHERONI DI SEMOLA
0 Commenti 
I Maccheroni, o “Minchiareddhi” sono il primo d’eccellenza dell’alimentazione salentina, conditi con una buona salsa di pomodoro, e per chi vuole assaggiare in modo ancora più tipico con un pizzico di “ricotta schianta”. Le nostre nonne li preparano ancora a mano con l’aiuto di un “fil di ferro” che serve a modellare la pasta nella forma allungata e bucata all’interno.
MEZZE SAGNE SENATORE CAPPELLI
0 Commenti 
Le mezze sagne sono una rivisitazione delle classiche sagne ‘ncannulate, la pasta per eccellenza della tradizionale cucina salentina. Rese più pratiche dalla misura molto più corta, ma molto ruvide, porose e squisite come le classiche.
ORECCHIETTE
0 Commenti 
Tipo di pasta tipico della regione Puglia, la cui forma è approssimativamente simile a quella di piccole orecchie, da cui deriva appunto il nome. La ricetta tipica regionale è quella che le vede insieme alle cime di rapa, ma sono ottime anche con condimenti a base di carne o verdure.
ORECCHIETTE DI SEMOLA
0 Commenti 
Le Orecchiette nascono dall’antica tradizione culinaria pugliese. E proprio in Puglia vengono chiamate anche “strascinate” perchè,per tradizione, le massaie le trascinano ad una ad una sulla spianatoia con il pollice o utilizzando un particolare coltello con la punta arrotondata.
ORECCHIETTE GRANO ARSO
0 Commenti 
Le Orecchiette nascono dall’antica tradizione culinaria pugliese. E proprio in Puglia vengono chiamate anche “strascinate” perchè, per tradizione, le massaie le trascinano ad una ad una sulla spianatoia con il pollice o utilizzando un particolare coltello con la punta arrotondata.