Spezie

Spezie

SALE ROSSO GROSSO DELLE HAWAII
0 Commenti 
Il sale rosso delle Hawaii, detto Alaea, prende il suo nome da un minerale naturale: un’argilla rossa di origine vulcanica il cui sapore lo rende molto adatto per accompagnare carni grigliate o arrostite e pesce grigliato.
SALE NERO GROSSO DELLE HAWAII
0 Commenti 
Il sale nero delle Hawaii è un sale di origine marina che viene estratto con tecniche di essicazione ed il suo gusto molto particolare, completamente diverso da quello di tutti gli altri sali (aromatico ma secco, con un retrogusto sulfureo e affumicato), lo rende ideale da usare su pesce, carne grigliata e pollame.
FIOCCHI DI SALE DI CIPRO
0 Commenti 
il sale nero di Cipro è un sale molto prestigioso raccolto dalle acque di Cipro, arricchito con carbone vegetale derivante dalla combustione di legno dolce, il quale lo rende perfetto da utilizzare con zuppa, uova, pesce bianco e patate fritte.
MAGGIORANA
0 Commenti 
Questa pianta originaria di alcune regioni dell’India, dell’Africa settentrionale e del Medio Oriente, cresce spontaneamente nelle zone desertiche dove la si può vedere tutto l’anno mentre nelle zone differenti da queste viene coltivata solo una o due volte l’anno.
BACCHE GINEPRO
0 Commenti 
I frutti di questa pianta maturano in due anni di tempo trasformandosi nei frutti blu-viola che vengono utilizzati come spezia. Le caratteristiche di questa pianta, come aroma e dimensioni,sono differenti a seconda del luogo e clima in cui si trovano. E’ possibile trovare questi arbusti nelle zone selvagge e montuose d’ America, Europa ed Italia.
SEMI DI FINOCCHIO
0 Commenti 
I semi di finocchio hanno un grande potere aromatico tipicamente dolciastro e vengono utilizzati per insaporire sia piatti salati che dolci, oltre che per preparare tisane e decotti. Sono ottimi anche per aromatizzare pane, ciambelle, crackers, grissini, liquori.
TIMO
0 Commenti 
Gli studiosi non sono mai riusciti a raggiungere un accordo per l’origine del nome “timo”: alcuni sostengono sia legato al verbo greco thymiáo, che vuol dire “profumare”, alcuni altri affermano che faccia riferimento alla forza che la pianta infonde alle persone che “odorano” il suo aroma balsamico e rinvigorente.
CURCUMA MACINATA
0 Commenti 
La pianta della curcuma in India viene utilizzata da almeno 5.000 anni per diverse funzioni come insaporire e colorare i cibi ma anche come farmaco naturale. La curcuma è ricchissima di proprietà: è antiossidante e combatte l’invecchiamento cellulare. Inoltre, è un ottimo antinfiammatorio naturale, disintossicante e protegge le vie biliari.
ANICE STELLATO
0 Commenti 
Questa particolare tipologia di anice dal sapore molto simile a quello della liquirizia, fa parte della famiglia delle Illiciaceae ed è di provenienza Cinese. Il nome è dovuto alla particolare forma a stella dei frutti ma è anche conosciuta con il nome di “anice di Siberia”, perché introdotto in Europa attraverso la Russia.
FIOCCHI DI SALE DI CIPRO AFFUMICATO
0 Commenti 
Il sale affumicato è un sale marino dal colore marrone che viene preparato aggiungendo il fumo ottenuto dalla combustione del legno, tant’è che a seconda del legno usato il suo sapore varia leggermente. Questo sale è ideale per impreziosire piatti di carne di manzo, ed in generale per cotture con griglia o braciere.
ZENZERO MACINATO
0 Commenti 
Lo zenzero, probabilmente la più antica spezia che si conosca, da oltre 3000 anni è coltivato in Asia tropicale. E’ stata una tra le prime ad arrivare in Europa, dove dal medioevo cominciò ad avere un grande successo. Giunse nelle Americhe nel XVI, importata dagli spagnoli e oggi è coltivata in tutta l’area equatoriale.
CHIODI GAROFANO INTERI
0 Commenti 
I primi utilizzi di questa spezia risalgono a 2200 anni fa in Cina diffondendosi poi in tutto l’Oriente; le prime tracce documentate in Occidente risalgono al XVIII secolo a.C. I romani facevano grande uso di questa spezia per le sue proprietà antisettiche mentre nel Medioevo era molto usata come incenso.
ANETO FOGLIA
0 Commenti 
E' una pianta aromatica annuale, originaria del Medio Oriente. Ha un caratteristico odore tra il finocchio e l’anice. Se ne consumano sia le foglie che i semi. Da pochi anni sta avendo riscontro anche in Italia, anche per le sue proprietà rinfrescanti, digestive e antisettiche e antispasmodiche.