Pasta Ambient

Pasta Ambient

TORTILI LECCESI DI SEMOLA
0 Commenti 
I “Tortili alla Leccese” sono un formato di pasta trafilata al bronzo, nata in omaggio delle linee sinuose del Barocco leccese. Il condimento ottimale è sicuramente con salse a base di pesce, oppure all’ortolana per avere un primo piatto vegetariano a base di ortaggi di stagione, per portare in tavola il sapore della genuinità.
FETTUCCINE DI SEMOLA
0 Commenti 
Della stessa lunghezza degli spaghetti, devono il loro nome alla somiglianza con le “fettucce”, strisce sottili usate per gli orli dei vestiti. Probabilmente originarie del Lazio, ideali per condimenti a base di  ragù, sughi a base di cacciagione o sughi di pesce con molluschi e frutti di mare.
FARRO
0 Commenti 
Considerato prezioso fin dall’epoca romana, il Farro è oggi uno dei protagonisti della dieta mediterranea. Saporito, sano e fonte di fibre; provalo come risotto o in gustose insalate. Facile e veloce da preparare, si cuoce direttamente in acqua salata bollente.
FUSILLI SENZA GLUTINE
0 Commenti 
I Fusilli sono caratterizzati nella forma da tre alette attorcigliate che si rincorrono armoniosamente in un andamento a spirale, che cattura ogni tipo di condimento. Nel segno della tradizione con un tocco d’innovazione, oggi Barilla ha pensato anche a celiaci e intolleranti al glutine con una linea Senza Glutine che include anche questo classico formato. 
SPAGHETTI SENZA GLUTINE
0 Commenti 
Ideali per chi deve rinunciare al glutine, ma non al piacere della pasta. Gli Spaghetti Senza Glutine sono preparati con un delizioso mix di mais bianco, mais giallo e riso. Il risultato è un sapore delicato e bilanciato per una pasta Senza Glutine finalmente buona come la Barilla di sempre.
PACCHERI LISCI VOIELLO
0 Commenti 
Tipici della cucina partenopea, i Paccheri incontrano il gusto di tutti gli amanti della pasta. Grazie all'esclusivo Grano Aureo e alla trafilatura al bronzo, I Paccheri Voiello hanno una tenuta in cottura eccezionale ed esaltano al meglio le ricette della tradizione.
TROFIE SEMOLA FRESCHE ATM
0 Commenti 
Uno dei formati più amati e apprezzati in Liguria, devono il loro nome alla parola “strofissià”, che in dialetto genovese significa strofinare, dal movimento delle mani necessario per produrle artigianalmente. Il metodo di realizzazione casalingo prevede che pezzetti di impasto delle dimensioni di fagioli vengano sfregati con le mani sul piano della madia fino ad ottenere dei fusetti allungati
CALAMARATA VOIELLO
0 Commenti 
Tipica della cucina partenopea, la Calamarata incontra il gusto di tutti gli amanti della pasta. Grazie all'esclusivo Grano Aureo e alla trafilatura al bronzo, la Calamarata Voiello ha una tenuta in cottura eccezionale ed esalta al meglio le ricette della tradizione.
COUS COUS
0 Commenti 
Dalla lavorazione dei migliori grani nasce il cous cous Barilla, un prodotto dal sapore e dalla qualità unica. Ideale per preparare primi freddi o caldi a base di carne, pesce o verdure.
ORECCHIETTE AL NERO DI SEPPIA
0 Commenti 
Le Orecchiette nascono dall’antica tradizione culinaria pugliese. E proprio in Puglia vengono chiamate anche “strascinate”perchè, per tradizione, le massaie le trascinano ad una ad una sulla spianatoia con il pollice o utilizzando un particolare coltello con la punta arrotondata.
ORECCHIETTE VINO NEGROAMARO
0 Commenti 
Le Orecchiette nascono dall’antica tradizione culinaria pugliese. E proprio in Puglia vengono chiamate anche “strascinate” perchè, per tradizione, le massaie le trascinano ad una ad una sulla spianatoia con il pollice o utilizzando un particolare coltello con la punta arrotondata.
TROFIE DI SEMOLA
0 Commenti 
Le Trofie, uno dei formati più amati e apprezzati in Liguria, devono il loro nome alla parola “strofissià”, che in dialetto genovese significa strofinare, dal movimento delle mani necessario per produrle artigianalmente.
FOGLIE D'ULIVO SEMOLA
0 Commenti 
Tipo di pasta tipicamente pugliese, la forma ricorda le foglie dei nostri maestosi ulivi. La parte interna, ruvida, fa si che la foglia d’ulivo raccolga il sugo e lo amalgami al meglio.
CAVATELLI DI SEMOLA
0 Commenti 
I cavatelli nascono da una delle numerose varianti dello gnocco medioevale e sono molto conosciuti in diverse zone del sud Italia, dove assumono dimensioni più o meno grandi e forme più o meno aperte a seconda delle aree di diffusione. Il loro nome ricorda la modalità casalinga di realizzazione del formato, che viene ottenuto “cavando” con le dita i pezzetti di impasto.
CAPUNTI AL GRANO ARSO
0 Commenti 
Si tratta di una pasta tradizionale del Molise, successivamente acquisita dalla Puglia, dove vengono chiamati capunti. Il principio è quello del cavatello, solo che in questo caso le dita che si usano, sono quattro, una leggera pressione sugli gnocchetti, in modo da scavarli all’interno, da qui i capunti, perchè punti con le dita.
STROZZAPRETI DI SEMOLA
0 Commenti 
Gli strozzapreti (o strangolaprevati) sono un’antica, tipica, pasta italiana, a forma di grossi cannelli lunghi un pollice e perciò non sempre agevoli da consumare. Caratteristica dell’intera Italia Centrale, soprattutto Romagna, Umbria, Lazio e Marche.
PENNE RIGATE SENZA GLUTINE
0 Commenti 
Le Penne Rigate Senza Glutine Barilla sposano il tradizionale taglio obliquo "a pennino" con un gusto bilanciato e sono ideali con sughi dai sapori delicati... il piacere di dire sì a un buon piatto di pasta è finalmente un piacere per tutti!
MEZZE SAGNE SENATORE CAPPELLI
0 Commenti 
Le mezze sagne sono una rivisitazione delle classiche sagne ‘ncannulate, la pasta per eccellenza della tradizionale cucina salentina. Rese più pratiche dalla misura molto più corta, ma molto ruvide, porose e squisite come le classiche.
MACCHERONI SEMOLA FRESCHI ATM
0 Commenti 
I Maccheroni, o “Minchiareddhi” sono il primo d’eccellenza dell’alimentazione salentina, conditi con una buona salsa di pomodoro, e per chi vuole assaggiare in modo ancora più tipico con un pizzico di “ricotta schianta”.
ORECCHIETTE GRANO SENATORE CAPPELLI
0 Commenti 
Le Orecchiette nascono dall’antica tradizione culinaria pugliese. E proprio in Puglia vengono chiamate anche “strascinate” perchè, per tradizione, le massaie le trascinano ad una ad una sulla spianatoia con il pollice o utilizzando un particolare coltello con la punta arrotondata.